14 settembre 2008

Nucular, ignoranza e politica

Sarah Palin, la candidata dal poco candore alla vicepresidenza americana, durante interviste e convention invece di dire "nuclear" si è esibita in almeno in un paio di "nucular". Esattamente come il tecnico nucleare del settore 7G Homer Simpson che in una vecchia puntata (quella del sottomarino per intenderci) correggeva il suo capitano specificando «Nu-cu-la-re, si dice nu-cu-lare».

Ora le reazioni a questo suo ripetuto errore (categoria non dissimile da quella di gaffe o lapsus, ma teniamoci sul neutro che non è affatto meno cogente, anzi offre meno scusanti) sono stati quelle che ci si può aspettare, bloggers e commentatori politici hanno iniziato a dar giù sulla sua ignoranza, sul suo essere il perfetto stereotipo della redneck americana, burinotta creazionista e armaiola che non sa parlare la lingua non dico del bardo ma nemmeno dei dossier della Cia o dei briefing con i generali, quelli in cui si tiene stretta la valigetta con i codici "nuculari". Più in generale da varie parti ed anche in terra italica si levano critiche all'incompetenza della classe politica, secondo molti scelta in quanto specchio putrido di narcisi sfioriti quali saremmo (o meglio sarebbero in maggior parte quelli di destra, ma non solo) che vogliono solo ritrovare il proprio ritratto malmostoso, bigotto, razzista ed ignorante nelle facce paludate di chi votiamo (votano), questo perchè «i leader politici eletti non sono più persone “migliori di noi” (e votate per questo), ma uguali a noi (facendosene un vanto), e anche peggiori di noi (per il nostro compiacimento)»[Luca Sofri dal link di cui sopra].

Insomma, stavo per commentare lo sfondone (sì, anche il fondamento politico è sfondato) con sarcasmo o cinismo, le due uniche facce da blogger che posseggo, e quasi stavo per seguire l'ondata generale di disapprovazione, quando mi sono abbandonato un po' alla rete, ed ho scoperto che esiste la pagina wikipedia di "Nucular", dove con corredo di accurati link si riporta che lo stesso errore di pronuncia era stato appannaggio di altri notevoli politici americani, tutti presidenti in realtà, quali Dabliu (troppo facile), Eisenhower, Carter e Clinton. Insomma Sarah sta in ottima compagnia, direi preoccupante, certo rispetto agli altri la di lei ignoranza e stupidità emerge da ben altro che dalla poca dimestichezza linguistica, e si staglia a dei livelli forse mai raggiunti da qualcuno che sta ad un battito di cuore dalla presidenza (nel caso di McCain a mezzo battito), però rimane qualche dubbio e qualche altro però su questa questione dei politici.

I pochi politici che mi piacciono sono quelli che mi fanno pensare a qualcosa cui non avevo mai pensato prima, che mi fanno soffermare a vedere qualcosa di nuovo ed a riconoscerlo come determinante. Personalmente vorrei quindi votare nella mia vita qualcuno che sia sveglio come me, o anche un po' di più, riconoscendolo diverso da me data la sua vocazione o "professione", sentendomi però a mia volta sveglio, senza derive egotiche ma nemmeno senza prostrazioni ché insomma capo che tutto sa, che tutto può, che è migliore ("il migliore" vi ricorda qualcuno?) non è che mi affascini tantissimo.

3 commenti:

Casa della Sinistra ha detto...

Caro compagno
sul mio blog sto lanciando una proposta di modifica della carta di Kilombo riguardante i poteri del coitato redazionale
il sito è

http://sinistradelfia.blogspot.com/2007/09/richiesta-di-modifica-della-carta-di.html

alex ha detto...

a proposito di lapsus, il "coitato redazionale" non è malaccio... :)

fran-tes-to ha detto...

@ alex: effettivamente ad a lapsus mi è stato risposto con lapsus anche migliore.
sinceramente non me ne ero accorto, quindi grazie della notazione